“dieci” è la prima barca progettata e interamente costruita da NAYE.

Il cantiere nautico per la costruzione dell’imbarcazione da diporto è stato realizzato con il contributo del fondo comunitario PO FESR Sicilia 2014/2020, grazie ad un progetto finanziato a valere sull’Azione 3.5.1_02 – Aiuti alle imprese in fase di avviamento – procedura valutativa a sportello alle piccole e medie imprese,oggetto di pubblicazione nel RNA.

Obiettivi del progetto:
1. Offerta di un prodotto dal design innovativo contenente nuove tecnologie di processo e di prodotto tali da minimizzare l’impatto ambientale causato da unità di analoga tipologia, con tangibili benefici in termini di comfort;
2. Promozione dell’impiego delle ICT;
3. Miglioramento della qualità della vita dei cittadini del comprensorio e miglioramento dell’economia della zona e dell’indotto;
4. Promozione dello sviluppo sostenibile.

Le attività progettuali hanno previsto:
– l’acquisto di un set di stampi completo per la realizzazione di un’unità da diporto e di attrezzatura varia;
– l’acquisizione di software per la modellazione 3D e per la personalizzazione e la visualizzazione dell’imbarcazione prima dell’acquisto e della costruzione;
– la realizzazione di un sito web con e-commerce, configuratore, alta visibilità;

Risultati raggiunti:

L’iniziativa in oggetto ha permesso la realizzazione di un impianto produttivo per la fabbricazione in serie di una specifica unità da diporto dal design innovativo, molto appetibile per il mercato in termini di comfort e consumi, avente le seguenti peculiarità:
– lunghezza fuori tutto (LMAX) superiore a 10 metri ma con lunghezza scafo (LH) inferiore a tale misura, in modo da fornire al cliente lo spazio utile in coperta proprio dell’imbarcazione, pur mantenendo i costi di gestione propri dei natanti ed evitando gli oneritipici delle imbarcazioni;
– larghezza massima non superiore a 3 metri (nei limiti consentiti dal trasporto eccezionale su strada senza scorta);
– carena innovativa dotata di dispositivi atti a generare fenomeni fisici che possono ridurre la resistenza al moto, una riduzione dei consumi di carburante e conseguente riduzione dell’impatto ambientale a tutela della risorsa marina (redan e interceptor).

Il progetto, finanziato ai sensi dell’azione 3.5.1-02 del PO FESR 2014-2020, ha permesso anche l’acquisizione di sistemi ICT qualificati da tecnologie emergenti come i software specialistici per la progettazione e la modellazione in 3D (software V-Ray per Rhino e software Rhinoceros 6). Tali software permettono la realizzazione di immagini e video raffiguranti il prodotto per come sarà una volta finito (render) e di visualizzarlo in anteprima, anche grazie al configuratore online, sia all’interno che all’esterno.
L’impresa, grazie al progetto finanziato, è quindi in grado di offrire un servizio che permette una vasta gamma di allestimenti e personalizzazioni, coinvolgendo il cliente nella creazione della propria versione.
Rhinocerosfavoriscela realizzazione di quanti più componenti possibile in vetroresina anziché in legno o altri materiali lavorati artigianalmente. La vetroresina infatti, ottenuta da stampi fresati al controllo numerico grazie alle matematichegenerate con Rhino, garantisce la ripetibilità escludendo il più possibile discostamenti dagli standard di prodotto. Anche gli interni dell’unità sono modellati nel dettaglio e realizzati da stampo. E’ possibile allestire le stampate degli interni quasi interamente fuori dallo scafo prima di chiuderlo con la coperta, con notevole disponibilità di spazio in più per impiantisti e allestitori, i quali altrimenti dovrebbero muoversi sotto la coperta all’interno di spazi talvolta angusti (gavoni, controstampate, ecc.).
Lo stesso Rhino, unito agli altri software acquistati, permette, in fase di progettazione, di tenere sotto controllo i pesi e i costi di tutte le personalizzazioni, garantire i requisiti strutturali, idrostatici e idrodinamici e formulare il giusto prezzo, assicurando sempre la fattibilità tecnica ed economica.
Si è inoltre creato un sito web con e-commerce, munito di configuratore che consente di visualizzare l’imbarcazione man mano che viene personalizzata con una vasta scelta di versioni, allestimenti, optional, colori, materiali, motorizzazioni, ecc. Il sito infine, allo scopo di favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici, è stato progettato e sviluppato seguendo i principi di “Alta Visibilità” delineati nella Legge 4/2004.
Il progetto ha consentito la promozione di collaborazioni con settori collegati e con operatori locali e l’occupazione di personale stabile, contribuendo allo sviluppo dell’economia del comprensorio.